Pulizia in campeggio: prendersi cura degli ospiti e dell’ambiente

pulizia in campeggio

Parlare di totale pulizia in campeggio finalmente si può grazie alle aziende green che partecipano al Sipac

E’ idea ancora abbastanza comune pensare alla pulizia in campeggio come un qualcosa di utopico, immaginare una vacanza open air come a qualcosa di spartano e rudimentale e al camping come un insieme solo di tende e bagni comuni.

Quest’ultima idea, per fortuna,  lascia il tempo che trova, grazie soprattutto al concetto di glamping e di lodge di lusso che ha rivoluzionato totalmente il concetto di vacanze open air.
Servizi una volta esclusivi solo agli alberghi, adesso possono essere facilmente trovati nei camping: dalle spa, alle vasche idromassaggio, all’interno di case mobili sempre più comode e rifinite.


Ma non è tutto oro quello che luccica, e anche se la comodità e il lusso non guastano mai, anche se immersi nella natura, chi assicura ai vostri ospiti che la pulizia in campeggio sia assicurata e che quelle case mobili e quei bungalow siano davvero puliti?

Quando un ospite se ne va, non lo fa mai del tutto. Eh già, infatti anche se ritenete di essere un campeggio molto scrupoloso in materia di pulizie perché investite molto sul personale addetto o perché utilizzate sofisticate apparecchiature di pulizia considerate ottime, sappiate che, per quanto siano migliori di arcaici strumenti, non eliminano al 100% i batteri dei precedenti ospiti.
Un esempio per credere: Scommettiamo che se un vostro ospite alloggia in una casa mobile dove il precedente coinquilino era influenzato, dopo poco tempo sarà influenzato anche lui?

Questo perché solo poche modernissime tecniche come la frammentazione molecolare permette di  sanificare ambienti indoor perfettamente, garantendo una pulizia totale anche negli ambienti più ostili, come docce e condizionatori, dove si insidia la nemica di tutti i campeggi: la legionella

Ma quando si parla di pulizia in campeggio non si può non pensare all’ igiene outdoor.
Quanto è fastidioso stare al sole, comodamente sdraiati sul lettino a pendere il sole, e venire puntualmente disturbati da fastidiosissimi insetti che ronzano intorno?

Per evitare di creare un disagio agli ospiti, sarebbe bene attuare un piano di prevenzione con la disinfestazione di insetti e zanzare con larvicidi, così da bloccare la nascita delle zanzare.


Un’altra misura sicuramente da attuare per chi voglia avere un campeggio pulito e sicuro è la derattizzazione. I topi sono tra gli animali più sporchi e portatori di germi in assoluto e i campeggi vicini a fiumi o laghi sono tra i più a rischio.
Ma visto che stiamo parlando di vita all’aria aperta, è bene sempre strizzare l’occhio a scelte pest control green e ad impatto ambientale zero, con prodotti di sola derivazione naturale. Una soluzione del genere, è sana sia per gli ospiti che per l’ambiente, in quanto non utilizzando nessun prodotto chimico, gli animali non vengono uccisi, ma semplicemente allontanati da odori naturalmente sgradevoli per loro.

E per gli amanti della vita in camper? E’ bene che un camping possa fornire la piena comodità agli ospiti su ruote, fornendo dei punti sosta attrezzati in maniera tale da soddisfare le esigenze di tutti.
In materia di pulizia in campeggio, non si può che auspicare che il campeggio opti per innovativi sistemi di pulizia cassetta wc automatizzata, con zero contatto con la cassetta e zero spreco dei prodotti.

Ora non resta che  ogni gestore scelga  la pulizia in campeggio più adatta alle proprie esigenze.